Jazz and Theatre photography
When You're Strange
Oct 29
Super User

When You're Strange

Ieri sera ho seguito su Rai5 il documentario When You're Strange sulla storia dei doors e di Jim.

I doors sono stati attivi per oltre 5 anni, hanno venduto 100 milioni di dischi e continuano a venderne. A 16 anni (1983 / 84) li avevo ascoltati su suggerimento di un compagno di scuola... la passione per la musica (quella storica) era per fortuna un argomento comune.

Le note di Riders on the storm, the end, prodotte su uno stereorama deluxe 2000, sembrava venissero da un passato lontano ma ancora vivo per me, un passato pieno di storia, forze e lotte: la contestazione giovanile, gli scontri razziali, la guerra in Vietnam. Un contesto che non mi sembra diverso da oggi ma sono diverse le coscienze.
Li ascoltavo in tempi difficili per me e mi sembrava da quelle note di trovare le forze, quelle sane.
All'epoca ascoltavo anche i rolling stones; ma i Doors erano diversi, c'era più' rabbia, più' passione nella voce di Morrison poeta, cantante e scrittore di quasi tutti i testi delle canzoni.
C'era sicuramente un legame tra il senso della musica dei Doors e il senso che cercavo di dare alla mia realtà. I Doors hanno confuso e fuso vita e morte, inizio e fine, luci e ombre.
Da li e' iniziata una ricerca della e nella musica del passato, quella degli anni 60 e inizi 70 per scoprire altre grandi band.


Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn